psicologia

rubber stamp 114438 1280 Studio polispecialistico trattamenti a Pavia

Affrontare gli Attacchi di Panico: Riconoscimento, Prevenzione e Strategie Psicologiche

Gli attacchi di panico possono essere spaventosi e debilitanti, ma è possibile imparare a riconoscerli, prevenirli e affrontarli con efficaci strategie psicologiche. In questo articolo, esploreremo cosa sono gli attacchi di panico, come riconoscerli, come prevenirli e le strategie psicologiche che possono aiutare a gestirli.

Cosa sono gli attacchi di panico?

Gli attacchi di panico sono episodi improvvisi e intensi di paura, ansia o disagio. Possono manifestarsi con sintomi fisici e psicologici che includono palpitazioni, sudorazione, tremori, sensazione di soffocamento, vertigini, nausea, e la convinzione di stare per morire o impazzire. Questi sintomi possono durare da pochi minuti a diversi minuti, ma solitamente scompaiono spontaneamente. Gli attacchi di panico possono verificarsi in situazioni apparentemente normali o senza alcuna causa apparente.

Come riconoscere gli attacchi di panico?

Riconoscere gli attacchi di panico è il primo passo per affrontarli in modo efficace. Alcuni segni comuni di un attacco di panico includono:

  1. Palpitazioni: Il battito cardiaco accelera notevolmente.
  2. Respirazione affannosa: Si può avere la sensazione di non riuscire a respirare o di soffocare.
  3. Tremori o sudorazione eccessiva: Il corpo può diventare tremante e iniziare a sudare profusamente.
  4. Sensazione di perdita di controllo: La persona può avere paura di impazzire o di morire.
  5. Sensazione di irrealtà: Si può percepire tutto intorno come se fosse irreale o distante.
  6. Nausea o malessere allo stomaco: Spesso, c’è una sensazione di nausea o disagio addominale.

Come prevenire gli attacchi di panico?

Anche se non è possibile prevenirli completamente, esistono alcune strategie che possono aiutare a ridurre la frequenza e l’intensità degli attacchi di panico:

  1. Ridurre lo stress: Gestire lo stress è fondamentale per prevenire gli attacchi di panico. Tecniche di rilassamento come la meditazione, lo yoga o la respirazione profonda possono essere utili.
  2. Evitare le sostanze stimolanti: Caffeina, alcol e droghe stimolanti possono scatenare o peggiorare gli attacchi di panico. Ridurne o eliminarne il consumo può essere utile.
  3. Dormire a sufficienza: La privazione del sonno può aumentare la suscettibilità agli attacchi di panico. Assicurarsi di dormire a sufficienza è importante.
  4. Esercizio fisico regolare: L’attività fisica moderata può contribuire a ridurre l’ansia e lo stress.
  5. Alimentazione equilibrata: Una dieta sana può influenzare positivamente il tuo stato mentale. Evita cibi troppo ricchi di zuccheri e grassi saturi.

Come affrontare gli attacchi di panico con strategie psicologiche?

Affrontare gli attacchi di panico richiede un approccio psicologico, poiché spesso sono il risultato di ansia e paura. Ecco alcune strategie psicologiche per gestire gli attacchi di panico:

  1. Respirazione controllata: Praticare la respirazione profonda e lenta può aiutare a calmare il sistema nervoso e a ridurre l’ansia durante un attacco di panico.
  2. Esposizione graduale: Con il supporto di un terapeuta, è possibile utilizzare l’esposizione graduale per affrontare le situazioni che scatenano l’ansia, riducendo così la reattività agli stimoli ansiosi.
  3. Mindfulness e meditazione: Queste pratiche possono aiutare a mantenere il controllo mentale, sviluppare consapevolezza e accettazione delle sensazioni ansiose.
  4. Terapia cognitivo-comportamentale (TCC): La TCC è un trattamento altamente efficace per gli attacchi di panico. Un terapeuta esperto può aiutare a identificare e affrontare i pensieri distorti e i comportamenti che contribuiscono agli attacchi.
  5. Auto-aiuto: Tenere un diario per tracciare gli attacchi, imparare tecniche di rilassamento e cercare il supporto di amici e familiari possono contribuire al miglioramento.

Gli attacchi di panico possono essere spaventosi, ma è importante ricordare che sono trattabili. Con l’aiuto di strategie psicologiche, supporto sociale e un adeguato stile di vita, è possibile imparare a gestirli in modo efficace e condurre una vita più equilibrata e soddisfacente. Se stai lottando contro gli attacchi di panico, non esitare a cercare il supporto di un professionista della salute mentale!

Dott.ssa Valentina Sarchi, psicologa

images e1696350759480 Studio polispecialistico trattamenti a Pavia

E’ più coming out o outing?! 

Sempre più spesso, da qualche anno a questa parte, sentiamo parlare della comunità LGBTQIA+ (Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transgender, Queer, Intersessuali, Asessuali); 

Alzare la voce, farsi notare “sbattendo i piedi”, riuscire a mostrare i propri pensieri/bisogni o semplicemente mostrare al mondo la propria persona cosi com’è, nella piena libertà del proprio essere, è stato, ed è, un processo decisamente complicato, pieno di insidie ed ostacoli, spesso ostacolato anche dalla politica. 

Uno dei fenomeni che si è maggiormente diffuso, con sempre più coraggio da parte de* dirett* interessat* è il cosiddetto processo di coming out: rivelare la propria identità di genere o il proprio orientamento sessuale è un passo importante e necessario verso l’accettazione di sé e l’apertura verso gli altri. 

Va però fatta una giusta distinzione tra quello che è il “coming out” vero e proprio e quello che è un  fenomeno simile nel lessico ma con un significato profondamente diverso: l’outing

Il coming out è l’atto volontario di comunicare la propria identità di genere ed il proprio orientamento sessuale nel momento in cui (ma può avvenire anche molto tempo dopo, per dinamiche socio-relazionali) viene raggiunta la piena consapevolezza di sé stessi; è un momento cruciale e delicato per comunicare al mondo che ci circonda chi siamo davvero e qual è il nostro interesse in ambito relazionale/sessuale. 

Al contrario, l’outing è un fenomeno che avviene nel momento in cui una persona, che non è la diretta interessata, rivela dettagli sull’identità di genere o sull’orientamento sessuale di un’altra persona, senza che questa ne abbia dato consenso o abbia espresso la volontà di farlo. 

Quali sono le conseguenze del -coming out- e -dell’outing- ? 

Il coming out, nel quotidiano come nei casi di maggior impatto mediatico, si pensi ad esempio alle celebrità, può impattare significativamente anche sul resto della società. Quando le celebrità fanno coming out pubblicamente possono, per esempio, ispirare e fornire modelli positivi per altri.  

Pur sottolineando il potenziale effetto positivo del coming out, nessun* dovrebbe sentirsi costrett* a farlo: i vissuti di ciascuno, il contesto e altri fattori possono rendere questo gesto anche difficile da mettere in atto e dovrebbe essere sempre una scelta personale e privata (da qui la tempistica di dichiarazione soggettiva e non ben definita nel periodo di vita di una persona). 
 
L’outing d’altra parte può avere conseguenze anche gravi, in quanto può portare a: 

  1. Violazione della Privacy: L’outing invade la sfera personale e intima di qualcuno, privandolo del controllo sulla propria identità. 
      
  1. Rischi per la Sicurezza: In alcuni casi, l’outing può mettere in pericolo la sicurezza fisica o emotiva della persona coinvolta, specialmente in ambienti ostili o intolleranti. 
      
  1. Danno Emotivo: Essere oggetto di outing può causare danni emotivi significativi, come ansia, depressione e isolamento. 

 
Per concludere, mentre il coming out è un processo personale e coraggioso, il rispetto per la privacy e l’identità degli altri è fondamentale per continuare verso la costruzione di una società inclusiva e rispettosa. E’ fondamentale promuovere l’accettazione, il rispetto e la comprensione per le esperienze delle persone LGBTQIA+, ma la scelta di condividere la propria identità dovrebbe sempre appartenere all’individuo, garantendo così la dignità e il rispetto di tutt*. 

Dott. Domenico Giordano, psicologo clinico, esperto in sessualità tipica e atipica